- Passione Stadi
1147
post-template-default,single,single-post,postid-1147,single-format-gallery,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Figurina n.9 album Panini ITALIA 90

 

 

In questa nuova rubrica tratteremo gli stadi visti sugli album editi da Panini, soprattutto riguardanti europei e mondiali.

Partiamo da casa nostra: ITALIA 90 e da quella che è stata la casa inespugnabile degli azzurri, lo stadio Olimpico di Roma.

In questo stadio gli azzurri del CT Azeglio Vicini hanno giocato le 3 partite del girone A contro Austria, USA e Cecoslovacchia, gli ottavi di finale contro l’Uruguay ed i quarti contro l’Irlanda realizzando 7 gol senza subirne nessuno.

Qui è stata giocata poi la finalissima tra Germania Ovest ed Argentina (1-0).

Ideato nel 1927 con il nome stadio dei Cipressi fu poi completato nel 1953 come stadio dei Centomila per via della sua capienza e ribattezzato stadio Olimpico per via delle olimpiadi di Roma 1960. Fu ristrutturato dunque per i mondiali del 1990 con l’aggiunta della copertura (nel 1989-90 Lazio e Roma giocarono al Flaminio) e la nuova capienza portata a 80258 diventando lo stadio italiano più grande, prima del Meazza di Milano con 76398 posti.
Dopo qualche restyling, il più evidente sono i nuovi seggiolini blu che hanno sostituito quelli celesti, la nuova capienza è stata ridotta a 72698.

 

Alessandro Mortelliti

Roma 12 luglio 2020

No Comments

Post A Comment