Come è possibile che il "Moccagatta" di Alessandria rispetti i requisiti per competizioni UEFA? - Passione Stadi
901
post-template-default,single,single-post,postid-901,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Come è possibile che il “Moccagatta” di Alessandria rispetti i requisiti per competizioni UEFA?

E’ indiscrezione di queste ore che il Torino FC non possa utilizzare lo “Stadio Olimpico – Grande Torino” per le partite casalinghe dei preliminari di Europa League. Il motivo non è dovuto all’inadeguatezza dell’impianto torinese, ma al fatto che – nei programmi estivi della società – è stato previsto una rizollatura del terreno di gioco (ricordiamo che il club granata ha saputo solo da pochi giorni di disputare i preliminari di Europa League).

Premesso ciò, il club non vorrebbe rischiare di accellerare i tempi, rischiando di avere un terreno non all’altezza per la prima parte della stagione, e perciò sta pensando di utilizzare – come stadio di casa – il Moccagatta di Alessandria, impianto che ha una capienza di poco superiore ai 6000 posti.

Il Moccagatta ha subito una recente ristrutturazione terminata a fine 2018. Nonostante questo, appena saputo di questa indiscrezione di giocare l’Europa ad Alessandria, ci siamo chiesti: ma come è possibile che il Moccagatta rispetti i requisiti per le competizioni Uefa? La risposta sta nei parametri che deve avere uno stadio a seconda della competizione UEFA da disputare.

Nella fattispecie per ospitare il secondo turno dei preliminari di Europa League, uno stadio deve essere di “Categoria 2” e gli stadi che appartengono a tale classificazione devono rispettare i seguenti requisiti:

– campo da gioco: lunghezza tra i 100 e i 105 m x  larghezza fra i 64 e i 68 m;

– grandezza minima dello spogliatoio arbitrale: non prevista;

– indice di illuminamento del terreno di gioco: 800 lux, in direzione delle telecamere fisse;

– parcheggi riservati a VIP e autorità: 50 posti;

– possibilità di posti in piedi per gli spettatori: nessuna;

– capacità di posti a sedere minima: 1500;

– capacità minima totale di posti per le autorità: 100;

– posti a sedere per le autorità della squadra ospite: 20;

– area hospitality per autorità: non necessaria;

– capacità minima area stampa: 100 m/q per 50 persone;

– numero minimo di fotografi: non previsto;

– numero minimo di piattaforme per le telecamere fisse: 6 m/q per 2 telecamere;

– numero minimo di posti a sedere in tribuna stampa: 20. 10 con scrivanie;

– numero minimo di postazioni di commento: 3;

– numero minimo di studi televisivi: 1;

– numero minimo di postazioni interviste post-gara: non previsto;

– spazio minimo per il parcheggio esterno dei pullman regia: 200 m/q;

– numero minimo di posti a sedere in Sala Stampa: 30;

Oltre a questi numeri, i seggiolini devono avere lo schienale alto almeno 30 cm, e le panchine devono essere distanti dalla linea laterale di almeno 5 metri.

L’impianto pare pertanto soddisfare tutti questi requisiti, ad eccezione dei seggiolini che non sono presenti in curva nord.

No Comments

Post A Comment