L'A.D. dello Spezia Calcio spiega i programmi societari sulle infrastrutture - Passione Stadi
716
post-template-default,single,single-post,postid-716,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

L’A.D. dello Spezia Calcio spiega i programmi societari sulle infrastrutture

Intervistato da cittadilaspezia.com, l’A.D. del club, Luigi Micheli, tra i vari argomenti si è soffermato sulle tematiche riguardanti lo Stadio Picco e il centro sportivo Ferdeghini.

Per quanto riguarda lo stadio, Micheli ha spiegato che la curva “Piscina” – settore dedicato agli ospiti – verrà modificata, in modo tale che solamente 550 posti saranno destinati ai supporter delle altre squadre. Oltre 2000 posti per chi viene in trasferta appaiono oggettivamente troppi, infatti in questi anni sono stati privati solamente posti disponibili ai tifosi locali.

Per quanto riguarda la curva “Ferrovia”,  già nel 2015 – quando il D.G. era Umberto Marino  (ora D.G. dell’Atalanta B.C.) – si era parlato dei costi della copertura della curva, e la cifra di tale investimento fu identificata in 600 mila euro. A tale proposito Micheli ha spiegato che il club vuole interagire con il Comune per trovare un’intesa.

Anche il terreno di gioco è sotto osservazione, infatti Micheli ha spiegato che nei programmi societari c’è l’intenzione di allargare il terreno di gioco, in quanto entro il 2020 il regolamento prevede che l’ampiezza del campo debba essere di 68 metri.

Per quanto riguarda i lavori al Ferdeghini, c’è l’intenzione di realizzare prima una foresteria e altri due campi. Tale progetto però deve essere ancora visionato dalle istituzioni locali.

Resta solo da vedere se questi buoni propositi per il 2019 si trasformeranno in fatti concreti.

No Comments

Post A Comment