Presentato il progetto del nuovo centro sportivo del Real Betis Balompiè - Passione Stadi
563
post-template-default,single,single-post,postid-563,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Presentato il progetto del nuovo centro sportivo del Real Betis Balompiè

Il Real Betis Balompié ha presentato al Consiglio comunale di Dos Hermanas il progetto per il nuovo centro sportivo che il club intende realizzare nel prossimo futuro. Il Presidente della società andalusa, Ángel Haro, e il Sindaco di Dos Hermanas, Francisco Toscano, si sono incontrati per i dettagli del progetto, che dovrebbe essere sviluppato nell’area di Entrenúcleos, situato a Dos Hermanas, a soli 15 minuti dallo stadio Benito Villamarín.

Il Betis ha spiegato che il centro sportivo sorgerebbe in un’area di di 138.379 ettari, dove verrebbero realizzati 15 campi da calcio, di cui 9 in erba naturale e 6 di erba sintetica. Il progetto sarà intrapreso in cinque fasi, con la prima prevista per la stagione 2019/2020. Il budget per il nuovo training center sarà di circa 30 milioni di euro, distribuiti in ciascuna delle fasi.

Oltre ai campi di allenamento del calcio, il centro sportivo avrà anche un piccolo stadio per le partite giocate dal Betis Deportivo e  dal Real Betis Women. Inoltre, verranno costruiti: un padiglione per gli allenamenti al coperto, una nuova residenza per i giocatori della Real Betis Academy e una casa di riposo per anziani, gestita dalla Fondazione del Club.

Inizialmente questa nuova sarà struttura sarà destinata alle giovanili della società, mentre il “centro di formazione Luis del Sol”, situato a soli 200 metri dallo stadio Benito Villamarín, rimarrà principalmente per la prima squadra.

Il Comune di Dos Hermanas, una volta avuto il progetto, analizzerà la sua redditività urbanistica e amministrativa, e prenderà una decisione in merito prossimamente.

Questo primo approccio tra le parti è stato positivo, e l’occupazione che genererebbe, circa 100 operai durante la costruzione, ed altri 25 lavoratori una volta finita l’opera, rendono ancora più concreta la realizzazione del progetto.

Dal punto di vista della viabilità, il nuovo centro di formazione si troverà in una posizione privilegiata, in quanto molto vicino all’autostrada SE-40 e all’estensione della Linea 1 della metro di Siviglia.

C’è anche un progetto per costruire 20.000 case nella zona di Entrenúcleos. L’area è completamente attrezzata già in termini di acqua, elettricità e accesso. Questi elementi  sono stati determinanti nella decisione di scegliere quest’area tra tutte le proposte ricevute dai diversi consigli comunali nell’area metropolitana di Siviglia. Il progetto sarà realizzato in modo sostenibile ed energeticamente efficiente.

No Comments

Post A Comment